Search

LAND25

Per venticinque anni il Gruppo LAND ha contribuito al dibattito e allo sviluppo dei paesaggi italiani; questa attività progettuale ha dato luogo a visioni strategiche, strumentali alle trasformazioni, utili a chiarire gli obiettivi e a rilanciare le dinamiche di trasformazione dei territori. Ad illustrazione del lavoro svolto si sono scelti 25 esempi progettuali, di scala e di tema differente, da nord a sud, quali esempi di un modus operandi consolidato ma originale nell’approccio e nel contenuto. Queste progettualità vengono raccontate attraverso l’esposizione dei manifesti con cui sono state presentate e descritte ad amministrazioni e committenze private, quale nuova immagine da poter “indossare”, esibire e far propria.
Come nell’accettazione del termine, questi manifesti sanno “rendere nota e trasmettere” una strategia di valorizzazione chiara e consapevole a chi, in quei territori, vive e lavora.
Il complesso lavoro svolto dal Gruppo LAND può essere considerato un “manifesto allargato” divulgativo di una tecnica progettuale nata per il territorio e plasmata su di esso: un autentico processo di rilancio economico-sociale che parte dal bene capitale dell’Italia: il Paesaggio.

LAND25 Omaggio al Paesaggio Italiano è stata anche l’occasione per lanciare una nuova sfida: il Progetto Paesaggio. Una modalità di approccio nella quale il Paesaggio, perduta la sua connotazione ornamentale-passiva diventa un elemento centrale nelle politiche di sviluppo del territorio con azioni lungimiranti ed innovative sugli spazi naturali, rurali, urbani e periurbani affrontando sia i paesaggi che possono essere considerati eccezionali, sia quelli della vita quotidiana ed ancor più quelli degradati. Un progetto che si pone, mai come prima, come motore di sviluppo per un’economia sostenibile che non solo rispetta la peculiarità dei paesaggi italiani ma li esalta, li promuove e li evidenzia.

“LAND25 Omaggio al Paesaggio Italiano è una dichiarazione d’amore verso un paesaggio ben plasmato e verso chi lo abita, nella piena consapevolezza di essere parte del più grande Giardino d’Europa” (Andreas Kipar)

LAND25_blog

 

Microsoft PowerPoint - Laporta.pptx

Presentato a Roma il Rapporto sul Consumo di suolo in Italia edizione 2014, pubblicato dall’ISPRA. (altro…)

kipar-sala

Andreas Kipar e Giovanni Sala lo raccontano nell’articolo uscito l’8 febbraio nel settimanale de Il Quotidiano Immobiliare

“La ‘rianimazione’ del territorio rurale come strategia di sviluppo. Come restituire un’anima al territorio rurale, attraverso la mano di piccoli e grandi imprenditori?”.

CLICCA QUI e scarica il PDF de Il quotidiano Immobiliare n.52 (articolo a pag. 13)

 

Leggi tutte le altre News su: www.landsrl.com

Stati_generali_green_economy_6_novembre_sala_Neri

Presentati agli Stati Generali della Green Economy a Rimini i 10 punti per rilanciare l’Italia.
Tra le azioni previste: risorse per le infrastrutture green e la difesa di suolo e acque.
Efficienza e risparmio energetico, rilancio degli investimenti per le fonti energetiche rinnovabili.
Rigenerazione urbana, mobilità sostenibile e agricoltura di qualità.

Leggi di più su statigenerali.org

Untitled-2

 

L’esito del 16° Forum Europeo sulla Forestazione Urbana, tenutosi a Milano durante la scorsa primavera, ha dato vita alla Carta di Milano, un documento strategico che mira a diventare il punto di riferimento per la gestione della città sostenibile e duratura.

Scarica la Carta di Milano

slider_greeninfra

La Commissione Europea ha recentemente adottato la Strategia per le Infrastrutture verdi, un programma complesso di promozione e valorizzazione dei sistemi ambientali in ambito urbano. Entro la fine del 2013 la Commissione metterà a punto degli orientamenti specifici per integrare questa strategia nelle Politiche di Coesione 2014-2020.

Un possibile strumento operativo per attuare i principi GLE sul territorio.

 

Leggi di più sul sito dedicato della Commissione Europea

slider_greenitalia

Il 28 giugno 2013, presso l’Auditorium MAXXI di Roma, è stato presentato il Manifesto di GREEN ITALIA, un nuovo soggetto politico ispirato ai principi del “green new deal”, promotore di un patto rinnovato per lo sviluppo sostenibile del nostro paese.

Leggi di più su www.greenitalia.org

mondo_in_verde_articolo

Il 22 aprile è stata la giornata per riflettere sul futuro dell’ecosistema.

Gli investimenti inglesi nell’energia eolica, Parigi che abbassa le luci dei negozi, i microchip per gli alberi dell’Amazzonia.

Nella Giornata Mondiale della Terra, le soluzioni per salvarla.

 

Tratto da La Repubblica del 18 aprile 2013

Leggi l’articolo

 

 

 

Sabato 23 marzo 2013, all’interno della XX Edizione del Salone dell’Arte del Restauro e della Conservazione dei Beni Culturali di Ferrara, il Progetto strategico di valorizzazione della Valle del Sacco ha ottenuto il 2° premio nella sezione “Rigenerazione e recupero urbano” e una menzione speciale nella sezione Mobilità.

Visualizza il Comunicato stampa

AIAPP – Associazione Italiana di Architettura del Paesaggio – lancia un appello alle Parti Politiche affinché siano artefici di una rivoluzione epocale, che ponga il paesaggio al centro dell’attività parlamentare delle politiche urbanistiche, di pianificazione del territorio e in quelle di carattere culturale, sociale, ambientale, agricolo ed economico.

Scarica il PDF dell’appello

Vedi www.aiapp.net

Dal 21 al 24 marzo 2013, presso Expo Edilizia (fiera internazionale per l’edilizia e l’architettura – Fiera di Roma) si svolgerà la quarta edizione di Working with Nature promossa da Green City Italia, associazione appartenente al network internazionale delle Green City.

All’interno di questa edizione sarà sviluppato il “Distretto della Green Landscape Economy”, uno spazio di discussione e interazione, in cui promuovere e condividere soluzioni innovative volte alla ripresa economica delle aree urbane e fondate sull’interazione tra cultura ambientale e tecnologia.

Scarica il COMUNICATO

Scarica il PROGRAMMA

Scarica il REPORT

Leggi di più su www.senaf.it

La conquista dell’orizzonte è un progetto di ricerca urbana che ha avuto come esito un video proiettato per i 150 d’Italia nella mostra StazioneFuturo a Torino.

La ricerca si interroga sulle strategie per fermare lo sviluppo incontrastato della città sugli spazi liberi del territorio.
Aprire su questi vuoti i fronti ciechi degli edifici, realizzati per far posto ad altri edifici con fronti ciechi, significa dare il primo segnale d’apertura al territorio urbano e alla necessità di considerarlo l’orizzonte privilegiato verso cui aprire la città.

Fonte: www.laboratoriopermanente.com